Il catabolismo proteico muscolare durante l’esercizio: davvero così determinante?

La proteolisi muscolare (MPB, muscle protein breakdown) è il processo che indica il catabolismo del muscolo scheletrico. Ribadendo la necessaria distinzione tra effetti acuti ed effetti cronici, il fatto che esista una momentanea (cioè acuta) degradazione proteica non è necessariamente da correlarsi con una degradazione proteica netta (cioè ad un effetto visibile in cronico). In altre parole, il fatto che in un uno specifico arco di tempo a breve termine si verifichi […]

Biotipi articolari: trapezioidale e clavicolare esistono?

Nei programmi formativi dell’istruttore e personal trainer proposti da molte scuole di fitness nazionali, da diversi anni sono stati diffusi i cosiddetti biotipi articolari, dei modelli costituzionali che permetterebbero all’operatore di riconoscere le predisposizioni del soggetto, e quindi gli esercizi con sovraccarichi per il quale esso può o meno essere adatto. Ci si può fare un’idea della teoria sui biotipi articolari con alcuni articoli pubblicati su my-personaltrainer.it (qui e qui) o […]

Il rapporto testosterone cortisolo (T/C ratio) nell’allenamento: l’ipotesi dei 60 minuti

Nei programmi formativi del Personal Trainer viene insegnato che l’allenamento debba estendersi entro un arco di tempo limitato, all’interno del quale si manterrebbero alti i livelli di testosterone e si preverrebbe un forte innalzamento del cortisolo, che si ipotizzerebbe sia coinvolto nella perdita di massa muscolare. Questo ha generato quella che in questo articolo verrà chiamata ironicamente “ipotesi dei 60 minuti”, ad intendere che l’allenamento non debba superare l’ora per non aumentare troppo il […]

Tempi di recupero brevi tra le serie: superiori per l’ipertrofia?

Nella teoria dell’allenamento “teorica” (cioè non strettamente basata sull’evidenza) fino a poco tempo fa si credeva che per l’attività di bodybuilding, o in genere di costruzione muscolare, fosse indicato impostare dei tempi di recupero brevi tra le serie – i classici 60-90 sec – detti più correttamente “incompleti”. Tempistiche superiori non sarebbero state adatte per questi scopi. Il termine “incompleto” deriva dal fatto che la loro durata non dovrebbe essere sufficiente a […]

Un muscolo si contrae dall’inizio alla fine?: parte alta o parte bassa del muscolo e differenze regionali

Nella teoria di base del personal trainer e dell’istruttore fitness viene insegnato che non esiste la parte alta o la parte bassa di un muscolo, ma che la contrazione avviene mediante un accorciamento del complesso delle fibre che lo compongono. Uno degli esempi più eclatanti che viene dato è quello del retto dell’addome, il più famoso dei muscoli addominali. Secondo la teoria più comune non esistono gli addominali bassi, quindi […]

Aggiungere gli esercizi per i muscoli piccoli serve?

Poco tempo fa è stato pubblicato uno studio del gruppo brasiliano di Paulo Gentil, della Santa Cecilia University, in cui si è voluto approfondire l’effetto aggiuntivo che gli esercizi mono-articolari per i muscoli di piccole dimensioni possono avere sui guadagni di forza e ipertrofia muscolare degli stessi (1). In realtà non era uno studio comparativo, quindi non si tratta di dare risposta alla domanda “qual’è meglio tra esercizi mono e multi-articolari per crescere o […]

Nuovo studio sul metodo HIT/Heavy duty…ma come al solito è “biased”

Durante la mia esperienza di anni come autore di articoli evidence-based sul bodybuilding e fitness ho potuto notare che esiste una certa corrente di ricercatori che supporta sempre e comunque il metodo High Intensity Training (HIT) o Heavy Duty (HD). Guarda caso, ogni volta che qualcuno di loro conduce uno studio nell’ambito del resistance training, il gruppo analizzato che adotta la metodologia affine al HIT/HD ottiene risultati migliori. Per fare qualche […]